Top

Mescalina Backpacker

Da Lalibela a Bahir Dar by bus

Lunedi  27 Maggio

Oggi ci svegliamo ancora prima, alle 3,45!

Avevamo chiesto agli albergatori se esistesse un modo per andare a Bahir Dar con i mezzi. Dopo un giro di telefonate ci dicono che alle 4 sarebbe passato un minibus a prenderci. Puntuale arriva, ma Alessio non si sente bene, incomincia a vomitare!! Vuole partire lo stesso e saliamo.

Facciamo un po’ di giri per il paese, finché il povero pulmino, il quale in condizioni normali può contenete 10 persone, si riempie con 25 sardine e si parte.

La strada è una buca continua e lo Schumacher di turno va sempre a palla! Alessio in 20 minuti riempie, tra le smorfie dei poveri passeggeri, due belle bustine di vomito!! Già l’odore non è il massimo, più la puzza di Alessio… Che spettacolo alle quattro di mattina!

Quando mancano 6 km, in mezzo ad una salita sterrata, succede quello che sarebbe già dovuto accadere, buchiamo. Tutta la flotta scende e inizia un’animata discussione, tutti indecisi sul da farsi. Dopo mezz’ora di litigate finalmente si decidono ed iniziano a fare quello che io da semplice ignorante avrei subito fatto, mettere il crick e alzare.

bahir dar

La ruota che buchiamo, come tutte le altre del resto, invece di 6 bulloni ne ha 4 ed è talmente liscia che in vari punti si vede la camera d’aria.

Ripartiamo, a spinta ed in retromarcia! Neanche 3 km e buchiamo di nuovo un’altra ruota, solo che questa volta l’autista rimane impassibile, dicendo 100 bestemmie al secondo in Aramaico, arriva con la ruota bucata fino a Gashena.

Qui saliamo su un altro minibus strapieno e alle 13, dopo cinque ore e dopo aver rullato una ventina di sigarette di tabacco all’autista, arriviamo a Bahir Dar.

Ci rechiamo al Ghion un bel posticino ristorante-hotel sul lago Tana. Contrattiamo il prezzo e ce la caviamo con 250 birr al giorno per tre notti.

Finalmente ci riposiamo nel tranquillo e rilassante giardino, ci colleghiamo a internet, mangiamo un po’, beviamo un paio di birrette lungo il lago.

La sera andiamo a dormire presto che siamo un po’ cotti, solo che mi accorgo di  essere circondato dalle mie nemiche numero uno: le zanzare! Alessio, infame, si fionda sul letto singolo con la zanzariera, a me, come arma di difesa rimane soltanto l’Autan.

La mattina mi sveglio che l’Autan è quasi finito, addosso una ventina di pizzichi giganti.

Zanzare vs Enrico: 1 a 0!

bahir dar

ETIOPIA 6° LALIBELA Storia, Miti e Leggende
ETIOPIA 8° Escursione ai monasteri sul Lago Tana - day7

post a comment