UZBEKISTAN – Viaggio di 8 giorni nell’Aprile 2017 di Enrico&Alessio

UZBEKISTAN

Siamo in Uzbekistan, un nome che letteralmente significa “padroni di se stessi”, la regione con le origine storiche più profonde dell’Asia centrale, il suo cuore più profondo.

Una nazione giovane con una cultura secolare che per 2000 anni era considerata la culla del terrore.

Un paese affascinante che nonostante le dominazioni subite ha mantenuto le sue tradizioni.

Una terra dove per secoli hanno transitato milioni di uomini, nomadi e guerrieri, artisti e architetti che partivano e si incontravano da 2 mondi completamente opposti, portando con se oro e schiavi, ingegneria, poesia e sapere.

Al suo interno ci sono città tra le più antiche e meravigliose al mondo, tra cui Bukhara, Khiva ma sopratutto Samarcanda.

La nazione di Tamerlano ma anche di Stalin, che nel 1924 creò dal nulla i confini e il nazionalismo, prima di allora infatti non esistevano frontiere.

Un popolo orgoglioso, con un carattere ben distinto e una propria personalità dove vi sembrerà di vivere un racconto delle Mille e una notte tra steppe, montagne, deserti, moschee, madresse e bazar.

Una nazione che ti incanta tra misteri, colori e profumi, che deve essere visitato con calma, da scoprire lentamente, con una cultura e un fascino millenario e una tra le più buone e varie cucine che abbia mai assaggiato e provato.

Diario di viaggio

Informazioni utili