laos storia

LAOS STORIA

Il Laos è uno stato della penisola Indocinese è una delle nazioni più tormentate e povere dell’Asia.

Senza sbocchi sul mare e con un territorio quasi esclusivamente di montagne senza pianure.

 

Il regno di un milione di elefanti, che si sviluppa intorno al Mekong, una nazione che è stata sempre un purpurí di popoli e culture, di piccoli regni e feudi, protettorato francese fino al 1954, repubblica democratica popolare socialista dal 1975.

Un paese diviso nell’ultimo secolo tra filo cinesi e filo americani, tra filo comunisti e filo occidentali, che ha ridotto il Laos in uno dei paesi piú sottosviluppati del mondo la cui unica fonte di reddito è l’agricoltura.

Un paese che si è visto sganciare sul suo territorio durante la guerra del Vietnam dal 1964 al 1973, 2 milioni di tonnellate di bombe al grappolo, molte inesplose, più bombe che in tutta le seconda guerra mondiale e che solo negli anni 90 ha aperto le porte al turismo.

Il Laos, intrappolato tra i produttori di oppio e metanfetamine.

laos storia

LA STORIA DEL LAOS

Il Laos è abitato già 40.000 anni fa mentre le prime comunità agricole furono create nel 4000 a.C con le etnie Mon e Khmer.

Nel IV d.C sulle rive del Mekong nacquero le prime città tribù, inizio a prendere sempre più importanza il Buddismo del Theravada e iniziarono le lotte di dominio tra i Khmer e i Siamesi.

Nel XIII secolo inizia l’era del regno indipendente di Lan Xang con capitale Luang Prabang, il primo impero che riunificò per la prima volta il popolo Lao, con il Buddismo religione di stato. Un impero che in due secoli divento forte, vasto e potente, il più grosso impero mai esistito nel SudEst Asiatico.

Alla morte del re Taung, l’impero si sgretolò e iniziarono lotte e faide interne ed esterne e prese il potere un re “illuminato” Surigna Vongsa, che portò al massimo splendore il regno. Spostò la capitale a Vientaine, siglò accordi economici con la compagnia olandese delle Indie Orientali, fece entrare i Gesuiti Italiani nel suo impero che furono i primo a mettere per iscritto la storia che fino ad allora era tramandata solo oralmente. Le parole che regnavano erano Pace e Ordine.

Purtroppo quando morì ci furono forti conflitti e l’impero fu diviso in 3 regioni.

Nel 1800 fu colonizzato dai Francesi che ne fece uno stato cuscinetto fino al 1954 quando ottenne l’indipendenza.

E poi scoppiò la guerra in Vietnam.

Teoricamente la conferenza di Ginevra oltre che l’indipendenza lo aveva classificato come stato cuscinetto neutrale, in pratica nel Laos furono sganciate in dieci anni più bombe che in tutta la seconda guerra mondiale. È qui che principalmente si svolse la “guerra segreta” tra Americani, la CIA, che formò un esercito irregolare di guerriglieri anticomunisti e la Russia-Cina che crearono il famoso sentiero di Ho Chi Minh per rifornire i combattenti comunisti del sud.

Ed è proprio per distruggere questa arteria che nell’ombra la CIA fece migliaia di missioni top secret bombardando a tappeto tutto e tutti anche più del Vietnam stesso.

Nel 73 ci fu l’accordo di pace, il re abdicò e fu fondata la Repubblica Democratica Popolare del Laos.

Il paese rimase isolato, chiuso, emarginato, dimenticato.
Nessuno doveva sapere e nessuno doveva far sapere cosa è veramente successo.

Solo nel 1992 il paese apri le porte al turismo.

Qualcosa sta cambiando ma il paese è tra i primi posti al mondo come corruzione, violazione dei diritti umani, è uno dei più poveri, non c’è libertà di stampa, l’esercito è in mano ai politici e un po’ tutto è visto con rassegnazione, sottomissione e volontà del destino, nel più classico stile del Buddismo Theravada.

 

CAMBOGIA Storia
CAMBOGIA Pol Pot e i Khmer Rossi

Leave a Reply