Home > Venerdi d'Italia UMBRIA > PIEDILUCO e IL SUO LAGO – La città ai piedi del bosco sacro

PIEDILUCO e IL SUO LAGO – La città ai piedi del bosco sacro

PIEDILUCO

Piediluco è una frazione di Terni in Umbria, 500 abitanti in un borgo sulla riva dell’omonimo lago a 375 metri s.l.m.

Da qualche anno è stato iscritto nella lista dei borghi più belli d’Italia, un borgo pulito, calmo, rilassante, incastrato tra il lago e le dolci colline della Valnerina in una cornice che sembra uscita da qualche romanzo fiabesco.

piediluco-valnerica

Piediluco ha un origine antichissima che proviene dall’Età del bronzo, con una storia che passa dai Sabini ai Romani e che conserva oggi quasi intatto il suo aspetto Medioevale.

Il suo nome PiediLuco deriva da Luco ovvero “bosco sacro”, il paese ai piedi del bosco sacro.
 
COSA VEDERE A PIEDILUCO

– Cinta muraria, Cassero e alcune sale della Rocca del XI secolo sopra al monte Luco

– Ex Chiesa S.M. del COLLE, datata X secolo, in stile Romanico, oggi adibita ad auditorium

– Palazzi Comunale, Roiano e Podesto, tutto del ‘300

– Santuario San Francesco del ‘300 che è la Cattedrale del paese

– Villalago, la struttura più famosa e conosciuta, una villa del XIX secolo in stile neoclassico costruita da Eugeni Franchetto, oggi un luogo pubblico con un anfiteatro dove ogni anno si svolgono importanti concerti ed eventi socio culturali

Ma “l’attrazione” principale è senza ombra di dubbio il suo lago, il Lago di Piedilugo.

piediluco-terni

Un lago dalla forma irregolare, quasi alpino, circondato da boschi e colline, con un perimetro di 13 km e una profondità massima di 19m.

L’unico immissario naturale è il Rio Ruscello mentre dal lago partono 2 canali artificiali:

– il primo lungo 42 km che lo collega al Nera
– il secondo costruito dai Romani che porta alle Cascate delle Marmore che sono alimentate anche dal fiume Velino

L’acqua del lago e la sua energia sono  sempre stati il motore di tutte le industrie, specialmente dell’acciaierie di Terni.

Il lago richiama ogni anno sempre più turisti che vengono qui sia per le gare internazionali di canoa, canottaggio e kayak ma sopratutto per suo patrimonio enogastronomico.

Tartufi, funghi, cacciagione e pesci di ogni tipo come anguille, carpe, lucci, tinche, persici, trote e gli introvabili gamberetti di fiume sono le specialità più richieste.

COSA FARE A PIEDILUCO

  • Trekking
  • Tour in battello da 15-20€
  • Canoa
  • Kayak

DOVE MANGIARE A PIEDILUCO

Ristorante Teresa – Vocabolo Mazzelvetta, Telefono: 0744 368158, una delle miglior trattorie della valnerina, a condizione famigliare, cucina tradizionale di pesce, cacciagione, tartufi e funghi con piatti ricercati e elaborati.

VENERDÌ D'ITALIA Lugnano in Teverina

Leave a Reply