Top

Mescalina Backpacker

Taganga Colombia’s Coastal Backpacker Ghetto

All’entrata di Taganga c’è un cartello in Spagnolo con scritto:

“Benvenuti a Taganga, territorio di pace, libero dalla corruzione, dalla discriminazione, da droga, da tutti i tipi di violenza, territorio sacro per le 4 etnie di Tayrona”

Non so quando hanno scritto questo cartello, ma oggi è quasi tutto completamente l’opposto e se dovessi descrivere il villaggio invece di questo cartello è più appropriato un altro sopranome con cui viene chiamata:

Taganga Colombia’s Coastal Backpacker Ghetto

Ovvero:

Taganga, il ghetto backpacker costiero della Colombia.  

Dove corruzione, alcool, furti, a volte risse e violenza, party esagerati, droghe di tutti i tipi sono una costante di tutti i giorni, per far divertire e sballare i turisti occidentali.

Taganga era fino a una decina di anni fa un piccolo villaggio di pescatori, un idiliaco villaggio al centro della costa Caraibica Colombiana a 5 km da Santa Marta, dove regnava il silenzio, la tranquillità, la pulizia e quello stile di vita “rilassato” classico dei Caraibici.

colombia taganga

Poi l’arrivo in massa dei turisti backpacker di tutto il mondo attratti da posti sempre nuovi da “colonizzare”, dalle droghe, cocaina e mariujana entrambe di altissima qualità e a prezzi quasi inesistenti e dalle immersioni, si riesce a prendere il brevetto PADI con 200-300€, hanno completamente trasformato il posto e cambiato radicalmente la vita degli abitanti.

taganga padi

Giudicarlo completamente mi è impossibile anche perché ci siamo stati solo un giorno e per fare un analisi più approfondita è troppo poco.

Certo è che sembra di essere veramente in una specie di Ghetto per lo più arido, caldo, a volte sporco  e con il mare che anche se esteriormente sembra bellissimo con le sue acque turchesi e pulito poi in fin dei conti non è niente di che.

taganga

La vita notturna con qualche discoteca dicono sia migliore di Santa Marta e chi si faremo per molto tempo è solo per fare Diving di giorno e feste di notte a basso prezzo.

Aggiungiamo che è un ottima base se si viene dalle regioni di Santander e Boyaca, piuttosto che andare a Santa Marta per proseguire il viaggio o verso est per la Città perduta, Parco Tayrona, la regione a confine con il Venezuela la Guajira e Palomino o verso ovest per Cartagena, le San Blas e Panama.

Forse è uno dei posti più sopravvalutati della Colombia ma il bello delle cose a volte è anche la sua parte oscura e nascosta, pericolosa e adrenalinica e a Taganga di tutte queste cose ce ne è molta.

COLOMBIA 8° Da Santa Marta a Taganga e prime impressioni - G°4
COLOMBIA 10° Taganga racconto della giornata

post a comment