Top

Mescalina Backpacker

IL PERCHÈ DEL VIAGGIO IN INDONESIA

Come la maggior parte delle volte negli ultimi anni, non c’è un vero e proprio perché del viaggio in Indonesia.

Eravamo 3 amici, Io (Enrico), Dimitri e Claudio che ci conoscevamo da quando eravamo nati, più un altro, Andrea, solo da qualche anno.

Dovevamo scegliere una meta e abbiamo unito:

  1. Il periodo, fine maggio inizio giugno
  2. Il costo del biglietto, 700-800€
  3. Costo della vita basso, dovevamo spendere 1500€ compreso il biglietto
  4. Dovevamo unire un viaggio ad una vacanza

Considerato che eravamo 4 amici, dovevamo unire queste cose a: mare, sole, relax, un pizzico di divertimento, un bel pò di adrenalina, quel gusto di esotico che non guasta mai e ovviamente un luogo in cui non eravamo mai stati.

E dalla roulette è uscito il nome dell’Indonesia.

Abbagliati dal mito e della fama di Bali, l’isola che credevamo fosse ancora l’eden perduto di hippy, feste fino al mattino, surf in tutte le spiagge, ragazze e relax.

Niente di più sbagliato.

O meglio, tutto ci è piaciuto del viaggio, tutto, tranne Bali.

Troppo turistica, troppo falsa e artificiale, troppo idolatrata e alla fine tutte parole e poca sostanza.

Ma il resto è stato uno spettacolo puro e primitivo.

Sumatra, Giava, Lombok, Borneo, Papua, Komodo, Borobudur, è tutto un mondo a noi quasi sconosciuto che vi lascerà senza fiato.

Un esperienza, un avventura, un viaggio che anche se eravamo in 4, prima e per ora unica volta, non ci ha fatto mai discutere, anzi….

indonesia viaggio

2 cose vorrei solo aggiungere del viaggio in Indonesia:

Primo, il mare, secondo me è uno dei più interessanti e spettacolari al mondo e ve lo dice uno che qualche posto lo ha visto.

Secondo, la gente che è unica, per davvero, una cosa mai vista prima, fanno a gara per conoscere lo straniero occidentale.

Peccato il cibo, il peggiore dell’Indocina.

INDONESIA Zaino - Cosa ho messo nello zaino per il viaggio

post a comment