Top

Mescalina Backpacker

Una giornata ad Antigua

Giorno 3°

Riprese tutte le forze e con il fuso orario dalla nostra parte, almeno per la mattina, alle 600 già stiamo in strada, peccato o fortuna, in strada a quell’ora c’eravamo solo noi.

Antigua, l’antica capitale del Guatemala e di tutto il Centro America, considerata, anche a parer mio, una delle città coloniali più belle di tutte le Americhe.

Cittadina situata al centro del Guatemala, dal 1979 Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, chiamata anche la Firenze del Guatemala, il piccolo centro storico, molto suggestivo è caratterizzato da un architettura nel più classico stile barocco, coloniale, ispanico-americano.

Il punto principale e anche il più importante è la Piazza Centrale, Plaza Mayor con il Parco adiacente, il cuore della vita della città, affollata, giorno e notte dalla gente locale che viene qua per leggere il giornale, per parlare e per incontrarsi.

antigua plaza major

Tanti sarebbero gli aggettivi per definirla, bellissima, antica, elegante, sobria, calma, rilassata,, ristrutturata alla perfezione, folkloristica ma più di tutti quello che le si addice è che Antigua è una città con un Fascino selvaggio.

antigua chiese

Guida Lonely in mano iniziamo a girarla, ci perdiamo nel suo centro, tra antiche chiese spesso in rovina e lavatoi, camminando sulle sue stradine che il fine settimana diventano completamente pedonabili, tutte lastricate di ciottoli che si intersecano in una rete perfetta, quasi labirintica.

antigua de guatemala

Ogni tanto ci fermiamo a bere una birra in uno dei tanti bar e locali, dove oltre a ragazzi come noi incontriamo molti studenti, Antigua è la sede più famosa e frequentata di tutta l’America Latina, dove ogni anni vengono migliaia di ragazzi di tutto il mondo per imparare lo Spagnolo, sistemati sempre in piccoli ostelli o nelle famiglie locali.

Ci fermiamo nei suoi 4 mercati principali tra cui al Mercato Centrale, aperto dalle 7 alle 14, al Nim-Pot, tipico Guatemalteco  dove si può trovare di tutto e a quello dell’Artesanias, l’artigianato locale, rinomato per la lavorazione di pietre preziose tra cui la Giada.

antigua mercato

Andiamo alla stazione dei bus, la stazione più pittoresca e colorata che abbia mai visto, con questi bus, antichi pulmini scolastici scartati dagli Stati Uniti che tanto mi fanno impazzire e prendiamo un po’ di orari per andare sia al lago di Atitlan che a Tikal.

guatemala trasporti

Passiamo davanti alla Chiesa de la Merced, la più bella, Convento di Santa Clara, la chiesa di San Francisco, la chiesa più antica, 1542, l’Arco di Santa Catalina, il principale punto di riferimento della città, un ex convento sede oggi di un hotel-ristorante.

Antigua è un piccolo quadro, circondata dai vulcani, ben visibili da qualsiasi punto della città che ne fanno una cornice perfetta, tutto è pulito e ben tenuto, trasformando tutto quasi come un sito archeologico.

antigua

Verso le 17 andiamo a vedere il tramonto al Cerro de la Cruz, la collina della croce, il punto più alto della città.

Ci si arriva attraverso un sentiero un po’ faticoso ma ben tenuto, da cui si ha una splendida vista che ti lascia anzi ci lascia senza fiato di tutta la città e di tutta la valle con i 3 vulcani.

A Sud vediamo il Volcan de Agua, Vulcano d’Acqua, 3766 metri, è il imponente e massiccio ed è chiamato così perché il cratere alla sua sommità una volta era ricoperto d’acqua.

Ad Ovest si trovano il Acatenango, 3976metri e il Volcan de Fuego, il Vulcano di Fuoco, 3976 metri, è sempre in attività e le sue emissioni sono ben visibili da Antigua quasi tutti i giorni.

Torniamo in città che sono le 20, è l’inizio della serata e di una qualche festa locale a noi sconosciuta e dopo aver cenato ci buttiamo in un locale a Plaza Major.

antigua cerro

GUATEMALA 2° Arrivo ad Antigua e la Maledizione di Montezuma - g°2
GUATEMALA 4° In cima al Vulcano Pacaya - g°4

post a comment