Home > Colombia Racconto > COLOMBIA 28° Bogota Backpacker ultimo giorno – G°12

COLOMBIA 28° Bogota Backpacker ultimo giorno – G°12

Bogota Backpacker Ultimo giorno

Ultimo giorno a Bogota e in Colombia, il viaggio è stato breve ma intenso, intensissimo, dal primo all’ultimo giorno, nel più classico stile Backpacker dove di deve fare i conti con le ferie e i soldi.

Oggi la giornata è fantastica, c’e il sole nemmeno una nuvola ed è l’ideale per andare in cima a Monserrate.

bogota cerro monserrate

Il Cerro Monserrate, è una montagna che sovrasta la città, è una delle mete di pellegrinaggio più frequentate, dalla cima a più di 3400 meri si vede un panorama a 360°di Bogota che sembra infinita. Ci si arriva a piedi, con la funivia e la funicolare e in vetta c’è anche un santuario del 1600, la Basilica del “Signor di Monserrate”. Noi volevamo andarci a piedi ma per il momento la strada è chiusa quindi prendiamo la Funicolare.

  • Funicolare: Dal Lunedi al Venerdì 630-1145, Sabato fino alle 16, Domenica fino alle 1730
  • Teleferica: Dal Lunedì al Sabato 12-24, Domenica 10-16
  • Prezzi: 1 corsa 2,5€, 2 corse 5€, notturno 5€

cerro monserrate orari cerro monserrate prezzi

  • Frequenza: Ogni 15 minuti
  • Tempo per arrivare in cima: 10 minuti
  • Cosa c’è in cima: Ristorante San Isidro, Ristorante Santa Clara, El Caffe de Monserrate
    Messe, Basilica in cui celebrano quotidianamente messe, percorsi di trekking

backpacker bogota

Tra andata e ritorno ci stiamo un oretta, cosi torniamo nel quartiere della Candelaria e ce ne andiamo a vedere il Museo Oro, un istituzione pubblica con più di 30.000 reperti di oro massiccio, metalli e ceramica provenienti dalle popolazioni Precolombiane fino ai giorni d’oggi, e’ la collezione d’oro Preispanica più grande al mondo. 

bogota museo oro

Usciamo dal museo che sono le 1230, giusto il tempo per andare a pranzo e come tradizione, l’ultimo pasto del viaggio deve essere memorabile e abbiamo un ristorante proprio a 10 metri dall’hotel in cui stiamo che fa al caso nostro il Sant Just.

sant just

Il ristorante non sfigurerebbe nemmeno in Italia e sti cavoli se fanno cucina Francese, è aperto solo a pranzo ed è sempre pieno di gente. Ottima location, ma sopratutto ottimo vino cileno della casa. Il menu cambia ogni giorno e lo scegliete tra 3 tipi a portata su una bacheca, piatti elaborati, molto ricercati e originali è stata la ciliegina sulla torta della vacanza. 

Torniamo a Casa Paltypus, prendiamo gli zaini, chiamiamo il taxi che per 10€ e 1 ora ci porta all’aeroporto.

Il check-in gia lo abbiamo fatto online, i biglietti ce l’abbiamo sull’App Wallet dell’Iphone e andiamo al desk per imbarcarci.

E qui succede una cosa strana.

Il volo dell’Iberia è in overbooking di 30 persone, cosi ci offrono di restare un giorno in più: biglietto per il giorno dopo in 1° Classe, sistemazione in Hotel 5 stelle, cena, colazione, pranzo più 400€ di buoni da spendere con l’Iberia o 300€ in contanti.

Sapete, queste cose capitano raramente e quanto succedono uno le dovrebbe prendere al volo ma siamo in 3 e 2 votano per tornare di cui non io, cosi saliamo sull’aereo, direzione Madrid.

bogota zaino in spalla

COLOMBIA 27° Bogota racconto del 2° giorno - G°11
COLOMBIA 29° Ritorno a casa e sosta all'aeroporto di Madrid - G°13
You may also like
COLOMBIA 27° Bogota racconto del 2° giorno – G°11
COLOMBIA 25° Bogota cosa fare – Cosa fare a Bogota e dintorni
COLOMBIA 24° Bogota Cosa Vedere – Storia e informazioni su Bogota
COLOMBIA 23° Da Cartagena a Bogota e 1° giorno nella capitale – G°10

Leave a Reply