Top

Racconto del primo giorno a Tirana

Nuovo viaggio backpacker – zaino in spalla con nostro figlio Alessandro che ora ha 9 mesi.

Andiamo in Albania, per un viaggio di 8 giorni e come quasi sempre ci capita, sappiamo dove andremo il primo giorno ma poi lasceremo il tutto in balia di quello che vorremmo fare giorno per giorno.

Partiamo da Roma alle ore 13:15 con volo Alitalia e arriviamo all’aeroporto di Tirana alle 14:40. 

Primo giorno a Tirana

Primo giorno a Tirana – Il bus per la città

Appena arriviamo la prima bella notizia….Alessandro sta mettendo i 4 denti davanti e già inizia a lamentarsi e a piangere.

In un attimo usciamo dall’aeroporto.

La prima cosa che facciamo è quella di andare a informarci come noleggiare un auto nella decina di agenzie situate appena fuori la sala arrivi.

Prima di partire, leggendo su internet non ero rimasto molto soddisfatto.

Oltre al prezzo della macchina e dell’assicurazione dovevamo aggiungere il secondo guidatore e il passeggino che ci costava minimo 5€ al giorno e non era detto che fosse garantito.

Tanto i primi due giorni staremo a Tirana quindi non abbiamo tutta questa urgenza.

Comunque capiamo subito che prenotare una macchina in Albania è molto semplice e economico.

Non gli occorre nemmeno la carta di credito, è sufficiente solo la carta d’identità e tra assicurazione all-inclusive, 2° passeggero e seggiolino incluso il costo è di circa 15-20€ al giorno.

Usciamo dall’aeroporto sul lato destro dove c’è una piccola stazione dei bus.

Alle 16:00 per 4€, il biglietto si fa a bordo, partiamo per Tirana.

In 30 minuti arriviamo nella “stazione” dei bus di Tirana che si trova a Bulevard Zhan D’ark tra Piazza Scanderbeg e il mercato Pazari i Ri.

A piedi, con l’aiuto di google maps ma soprattutto della persone che incontriamo per strada arriviamo all’ostello Milingona. 

Da subito capiamo che il popolo Italiano è qui visto con un occhio di riguardo e di ammirazione.

Il Milingona l’abbiamo prenotato su hostelworld per 30€ con camera doppia privata, bagno in comune e colazione.

Il cortile interno del Milingona

Il posto è molto particolare, famigliare, grande e ci sentiamo subito a nostro agio.

E’ la prima volta che effettivamente dormiamo con il nostro figlio in un vero e proprio ostello.

Lasciamo i bagagli, ci diamo una rinfrescata e verso le 18 usciamo, sono circa le 17:30.

Passiamo i pomeriggio girando a piedi e con i passeggino nella zona centrale tra Piazza Scanderbeg e il Mercato Pazari i Ri. 

Primo giorno a Tirana

Una parte della piazza principale

Giusto per ambientaci e rilassarci un pò senza troppo frenesia.

Ceniamo proprio nel mercato al ristorante “Markata e Peshkut – Vila 70”, una cena a base di pesce (40€ in due) come nei migliori ristoranti Italiani.

La cena al ristorante

Rientriamo in ostello verso le 22:00.

Rimaniamo un pò nel giardino interno insieme agli altri ragazzi e ragazze presenti, ovviamente nessun italiano-a, tutti sorpresi ma entusiasti di vedere che abbiamo con noi un bimbo di 9 mesi.

PS Diciamo che quando verso mezzanotte Alessandro inizia a piangere per i denti fino alle 5, (costante di tutte le altre notti del viaggio) secondo me gli altri ragazzi non sono stati poi cosi tanto contenti.

ALBANIA Itinerario, Costi e Mappe del Viaggio
TIRANA - La città che non ci aspettavamo di trovare
0

post a comment