Top

Romana di nascita e di spirito, ha un rapporto conflittuale con la routine e la stasi.

Si definisce irrequieta e succube da una forte dipendenza da viaggi.

Finisce sempre col trovarsi altrove alla ricerca di stimoli e nuove esperienze: parte spesso, o almeno ci prova.

Ha deciso di abbandonare la grande strada principale e addentrarsi in vie secondarie.

Ha deciso di perdersi, di improvvisare, di fidarsi del suo istinto e degli umori del momento.

Da bambina sognava avventure di pirati, briganti ed orizzonti lontani e crebbe convinta che sareste diventata un’esploratrice.

Viaggia, fotografa, racconta.

A chi gli chiede di presentarsi dice che è una “cacciatrice di storie” perché in fondo è quello che fa.

Questa settimana a Radio Orte, intervistata da MescalinaBackpacker l’autrice del libro “Russia coast to coast in Transiberiana”.

All’anagrafe è Cristina Cori, per gli amici Spina.

Cristina Cori

Cristina Cori

LE DOMANDE DI MESCALINABACKPACKER A CRISTINA CORI

1) Ciao Cristina, piacere di conoscerti, dopo questa breve introduzione, prima di iniziare le domande, vorremmo una tua brevissima descrizione.

2) Iniziamo subito con l’argomento principale dell’intervista. Da bambina nei Balcani una gitana ti fece una profezia e di predisse un futuro da scrittrice e un po’ ci hanno preso, infatti hai scritto un libro “Russia coast to coast in Transiberiana” (edito dall’Alpine Studio) ed è il racconto del to primo grande viaggio per 4 mesi in viaggio lungo la Transiberiana da San Pietroburgo a Vladivostok passando per la Mongolia. Uno dei nostri sogni. Partiamo dal primo step, per chi non lo sapesse. Cosa è la Transiberiana e la differenza con la Transmongolica e la Transcaucasica.

3) Ora che abbiamo le basi parlaci del tuo viaggio?

4) E ora non puoi non parlarci del tuo libro – Cosa troviamo all’interno e perché leggerlo?

5) Transiberiana, consigli e info utili per organizzarla. Tutte le dritte e le informazioni per preparare un viaggio fai-da-te sulla mitica ferrovia russa.

6) Di te scrivi “Ma quando non viaggio, scrivo e quando non scrivo, leggo” oltre al tuo ovviamente, che altri libri ci consigli da leggere?

Cristina Cori

7) Nella tua presentazione ci sono 2 frasi, (a noi fanno impazzire chi per presentarsi mette frasi – citazioni – aforismi famosi). “Quando vivi in un luogo a lungo diventi cieco perché non osservi più nulla. Io viaggio per non diventare cieco” di Josef Koudelka e “Vidi il pericolo, eppure camminai lungo la via incantata, e dissi: che il dolore sia una foglia caduta all’alba del giorno” di Patrick Kavanagh. Che significano per te?

8) Nel tuo vagabondare sei capitata a Petra, in Giordania, posto di un magnetismo unico che ti ha “intrappolata” e che infatti è diventata la tuo nuova casa. Viverci ti ha permesso di approfondire la cultura mediorientale e così eccoti qua a esplorare il Medio Oriente arabo. Cosa è ti piace cosi tanto del mondo Arabo e Medio Orientale?

9) Su profilo Facebook troviamo scritto “English language, Romanian language, Japanese language, Italiano e Spanish” quanto è importante conoscere le lingue, e qualche truccho e segreto per impararle?

10) Tu hai fatto tantissimi viaggi, solo per citarne qualcuno: Argentina, Armenia, Bolivia, Bulgaria, Cambogia, Cile, Colombia, Giordania, Iran, Islanda, Marocco, Romania, Russia, Vietnam, ce ne è uno o più di uno che porti più di altri nel cuore?Cristina Cori
11) Passiamo a un articolo che ho trovato interessanti sul tuo blog, che ricordiamo è www.cristinacori.com: “Cosa mettere in valigia, piccole grandi dritte”. Ecco consigliaci alcuni oggetti, anche banali che a volte non prendiamo in considerazione, ma che invece in viaggio possono fare la differenza?

12) Ho scoperto anche che sei un appassionata di trekking – come noi – consigliaci al volo qualche trekking da fare in Italia e all’estero cosi partiamo subito e lo andiamo a verificare!

13) Dove trovarti e seguirti

14) Saluti finali

IL PODCAST DELL’INTERVISTA

MescalinaBackpacker intervista Nicole e Pietro autori del travelblogger Ricordati il Giacchetto
MescalinaBackpacker intervista Giuseppe Barile
0

post a comment