Top

Mescalina Backpacker

Visita di Ica e delle fattorie del Pisco

Giorno 3° – 23 Maggio 2008

Mi alzo presto, colazione e transfert alla stazione del Cruz del Sur di Lima dove verso le 5 prendo il bus per Ica con il biglietto già pagato la sera prima.

Inizio il viaggio percorrendo la mitica Carratera Panamericana, una strada di 3000 km che dall’Ecuador arriva fino al Cile, tagliando in due il Perú, una strada che è un continuo cambiamento di ecosistemi diversi, non è una autostrada, ma è tenuta discretamente bene e ogni tanto ci sono dei caselli a pagamento, ci sono Tir e Bus di ogni tipo, macchine di ogni era, punti di ristoro, autogrill, si passa lungo spiagge sterminate e desertiche.

Verso le 10 arriviamo ad Ica, dove alla stazione ad attendermi c’è una macchina con una ragazza di 25 anni, Marila (marilafc@hotmail.com).

Iniziamo con una mini visita della città di Ica, fondata nel 1563 dagli Spagnoli, rasa al suolo ben 3 volte dai terremoti e sempre ricostruita.

ica

Il centro è molto carino, con molte chiese coloniali, con uno dei poli universitari più importanti del Perù, ma ciò che la rende famosa e importante, è la sua rinomata produzione di vino e del tipico Pisco.

Ce ne andiamo cosi subito alla Bodegas Vista Allegre, una fattoria a 15 minuti dalla città di Ica, in cui è pissibile fare la visita alla vigna, agli impianti di produzione del vino e del Pisco, degustare i prodotti e eventualmente acquistarli.

bodegas vista allegra

Oltre al del discreto vino qui c’è una grande produzione del Pisco, la bevanda nazionale del Perú.

Il Pisco è un acquavite con la distillaziine del vino bianco, rosato e moscato, aromatico e non che non subisce l’invecchiamento come il Brandy.

Qualche leggenda fa addiruttura risalire le uve con le quali viene prodotto dall’Impero Inca, più realista è l’ipotesi che furono gli Spagnoli.

I gradi del Pisco vanno dai 40 ai 50 gradi e ce ne sono 4 tipi:

-Puro

-Aromatico

-Acholado

-Mosto Verde a fermentazione incompleta

Dopo aver assaggiato tutte le possibili varianti del Pisco, beveto qualche bicchiere di vino e mangiato un pò di stuzzichini tradizionali ce ne andiamo all’oasi di Huacachina, a fare ciò che era il mio quarto motivo nel viaggio in Perú dopo l’Inca Trail, Macchu Picchu e Nazca, fare un pò di SandBoard tra le dune del deserto.

pisco

PERU 2° Arrivo a Lima e organizzazione del Tour in Peru
PERU 4° Sandboard all'oasi di Huacachica

post a comment