Home > MedioOriente racconto di viaggio > MEDIO ORIENTE 15° Racconto dei giorni ad Amman – G°13

MEDIO ORIENTE 15° Racconto dei giorni ad Amman – G°13

AMMAN

Dal Wadi Rum mi riportano a Wadi Musa (Petra) dove prendo subito un minibus e in un paio di ore alle 14 arrivo a Amman, la capitale della Giordania con 2 milioni e mezzo di abitanti.

Formata da 14 colline, abitata fin dal 9.000 a.c., chiamata in passato Philadelphia, ha visto succedersi nei secoli Ammoniti, Assiri, Persiani, Greci, Romani, Nabatei, Omayyadi, Abbassidi e Arabi.

Città importante, ma non troppo, fino prima al 1887 quando diventa una delle stazioni principali della direttrice della linea ferroviaria Damasco – La Medina, per tutti i fedeli Mussulmani e poi dal ’48, quando iniziano ad arrivare centinaia di migliaia di profughi Palestinesi.

La città nel bene e nel male si riempie e nel giro di qualche decennio inizia il Boom economico con una rapida crescita economica.

Arrivato alla stazione dei bus, prendo un taxi e mi faccio portare al Cliff Hotel, ostello che la Lonely definisce il migliore per i backpackers della città e secondo me ha ragione.

Poso zaino in una camera con altri 4 letti e da solo me ne vado in giro.

La città di Amman è un formidabile mix tra passato e presente, nuovo e moderno, occidentale e arabo ed è formata dalla:

– Parte Orientale, Down Town con il tradizionale Suq, negozi caratteristici e mercati
– Parte Occidentale, Rainbow Street, con grattacieli, pub, discoteche, centri commerciali

Prendo uno dei tanti taxi guidati da uno delle migliaia di profughi Palestinesi e vado alla Cittadella, situata nella parte di vecchia di Amman, su una collinetta Jabel Al-Qal.

Qui si trova tutto il passato di Amman, quando si chiamava Philadelphia, retaggi, resti e testimonianze dell’impero Romano, Greco, Bizantino e Islamico.

Nella zona è possibile vedere:

– Colonne Tempio Ercole
– Foro Romano
– Teatro Romano, II° secolo dc, sviluppato su di un fianco di una colle per ottimizzare l’acustica e per avere il sole sempre coperto. Poteva ospitare fino a 6.000 persone ed ogni tanto vi si effettuano degli spettacoli teatrali e musicali
– Odeon, un altro teatro più piccolo, situato sulla collina da cui si ha una vista a 360 gradi di Amman.

amman giordania

La città è molto piacevole da girare, sia a piedi che con i mezzi pubblici, sia di giorno che di notte, oltretutto si mangia a he molto bene sopratutto in un ristorantino locale sotto il Cliff Hotel in cui fanno del Felafel e del Humus tra i più buoni al mondo e dove ceno per tutte le 3 sere che rimango ad Amman.

Nei 2 giorni successivi la mattina effettuo 2 escursioni diverse con il Cliff Hotel, di cui parlerò nei prossimi articoli e quando ritorno me ne vado a passeggio con qualche ragazzo che incontro nell’ostello e riesco a vedere la Moschea dalla Cupola Blu, la moschea che può contenere fino a 10.000 fedeli ed è l’unica moschea di Amman dove è permesso l’accesso ai turisti.

Una sera mi invitano anche a vedere  la semifinale di Champion League Barcellona – Chelsea in un locale vicino all’ostello e quando termina la partita con la vittoria del Barcellona si scatena una festa paragonabile alla vittoria dell’Italia per la finale dei mondiali.

MEDIO ORIENTE 14° Giornata e notte nel Deserto del Wadi Rum - G°12
MEDIO ORIENTE 16° I Castelli del Deserto - G°14
You may also like
MEDIO ORIENTE Cosa Vedere e Cosa Fare
MEDIO ORIENTE 18° King Hussein Bridge – G°16
MEDIO ORIENTE 16° I Castelli del Deserto – G°14
MEDIO ORIENTE 14° Giornata e notte nel Deserto del Wadi Rum – G°12

Leave a Reply