Top

Mescalina Backpacker

Iran Backpacker si torna a casa

Soddisfatti dei nostri acquisti, ritorniamo all’albergo perché i due tappeti pesano più di 10 kg l’uno.

Breve doccia e usciamo per l’ultima sera.

teheran

Ancora è presto per cenare, sono le sei, la temperatura non è più gelida come i primi giorni e andiamo a fare un giro a piedi tra Baharestan e Sa’di.

E’ sempre più bello e coinvolgente passeggiare per Teheran, per di più ormai che abbiamo preso la coincidenza giusta.

La zona è un tripudio di negozi e luci, di donne che passeggiano tutte acchitate, qualcuna ti guarda, qualcuna ti sorride, come se passeggiassimo in una normale strada Europea.

teheran

 

Poi per caso troviamo uno dei locali più caratteristici e affascinanti del viaggio, le tradizionali fumerie di Narghili, dove si può fumare il narghilè con tabacco puro non aromatizzato e dove le persone di qualsiasi ceto sociale, dal professore a l’operaio si ritrovano qui, a fine giornata per fumarsi in santa pace il Qainat (narghilè) prima di andare a casa.

Iran Backpacker

 

In se per se il Narghile puro fa schifo, a nostro parere, ma stare una mezz’ora in questo posto non ha prezzo.

Non parliamo con nessuno perché nessuno parla inglese ma usciamo che qualcuno ha pagato per noi….

E’ ora di cena e la solita Lonely ci consiglia un ristorante tipico Khayyam Traditional Restaurant nella zona del Bazar.

teheran

 

Si mangia bene, il posto è nel più classico stile Persiano ma  ci accorgiamo di esserci dimenticati di comprare una cosa fondamentale: le tovaglie! Cioè qui hanno dei capolavori di tessuto cuciti a mano che utilizzano come tovaglie! Da noi sarebbero dei bellissimi copridivani o copriletto; qui ci mangiano sopra!

Presi dalla disperazione non ci rimane che pregarli di venderci delle tovaglie! Inizialmente sembrano sorpresi della nostra richiesta, ma poi sorridendo ci invitano a scegliere quella che ci piaceva di piu!

Paura passata… Le tovaglie sono con noi!!!!!!

Con questo diversivo facciamo conoscenza anche con i ragazzi del ristorante che tra una domanda e l’altra, quando scoprono che è l’ultima cena in Iran ci tendono un agguato…..ci fanno mangiare tutto il loro menu culinario, dolci, te, kebab, frutta secca, e poi narghilè ancora te, dolci e dolci …..

teheran

Usciamo che siamo ingrassati di 5 chili, andiamo all’albergo, ci cambiamo, chiamiamo il taxi e ci facciamo portare all’aeroporto.

 

Saliamo sull’aereo e la mattina alle 5 siamo a Roma, pronti, prontissimi per una nuova avventura.

P.s. Ogni viaggio è una storia a parte, ogni viaggio è indimenticabile, un esperienza unica, un amore che rimane nei nostri cuori, non giudichiamo mai quale viaggio o nazione è meglio o peggio di un altra, ma questo cari amici, questo viaggio in Iran, l’Iran stesso, ha un qualcosa di speciale….credetemi….

IRAN 18° Shopping nel bazar di Teheran
Iran 20° Iran Zaino in Spalla Conclusioni finali

post a comment